giovedì 23 gennaio 2014

(BUG) - Chrome ascolta quello che dici

Fonte Foto


"Il mio nome è Werner Brandes. La mia voce è il mio passaporto. Verificatemi." Questa era la password vocale che utilizzava l'ingegnere Werner Brandes nel film "I signori della truffa", che vi consiglio di vedere perché è un bel film.

I comandi vocali, Siri insegna, sono molto comodi e Google intuendo questa necessità ha introdotto nel suo browser, Google Chrome, la funzione di controllo vocale. Recentemente Gizmodo ha scritto un post dove spiega la falla che ha questa funzione di Chrome. 


CONTROLLO VOCALE CON BUG

Il bug che colpisce il controllo vocale di Chrome permetterebbe ai "siti pericolosi" di sentire tutto quello che stiamo dicendo, quindi questo significa che potremmo essere intercettati in qualsiasi momento. Come funziona questo bug? Andiamo subito a spiegare. 

Il "sito pericoloso" non fa altro che aspettare che voi attiviate il controllo vocale e in questa maniera potrà avere libero accesso al vostro microfono e quindi ascoltare tutto. Naturalmente questo bug diventa pericoloso solamente  quando attivate il controllo vocale, se invece non l'attivate potete navigare tranquilli dicendo quello che vi pare :D . 

Tal Ater, il tecnico che ha scoperto il bug, ha dichiarato: 

"Ed in tutto questo Google non si è impegnata a risolvere il problema nonostante si sapesse che stava già durando da quattro mesi, ammettendo peraltro che si trattava di una falla all’interno del sistema di sicurezza."

Ecco il video (in inglese) che spiega il funzionamento della falla:




CONCLUSIONI

Nuovi problemi di sicurezza per Chrome che non sta vivendo proprio un periodo fortunato, l'unica cosa positiva di questo bug è che si attiva solamente se è in funzione il controllo vocale. Prima le webcam nei televisori Samsung e adesso il controllo vocale di Chrome, ma tutte queste nuove funzioni servono a migliorarci la vita o a semplificare quella di spioni & affini ? 

Cosa ne pensi? Lascia il tuo parere nei commenti, potrà essere utile anche ad altri lettori. 

Mr Tozzo

Nessun commento:

Posta un commento